Italian

CCAF migliora la qualità dell’assistenza fornita a soggetti affetti da gravi malattie mentali e ai loro famigliari, facendo leva su autonomia, inclusione e partecipazione. Ci occupiamo di revisione tra pari, misurando la fedeltà a modelli riferiti a interventi, team, organizzazioni e reti. Promuoviamo inoltre il ricorso a strumenti di autovalutazione per l’ottimizzazione del ciclo di qualità interno.

Dalla sua fondazione, CCAF si concentra sulla diffusione di forme di assistenza qualitativamente elevate all’interno della comunità. Gli strumenti di misurazione della fedeltà al modello americano ACT (Assertive Community Treatment) e al modello olandese FACT (Flexible Assertive Community Treatment) sono stati i primi con cui abbiamo lavorato. Dei criteri di fedeltà al FACT oggi esistono diverse traduzioni e numerosi prodotti complementari.

ACT & FACT
Il modello americano ACT è caratterizzato da un approccio multidisciplinare, proattivo e di straordinaria intensità. La presa in carico dei pazienti è condivisa tra tutti i membri del team e il rapporto tra operatore sanitario e cliente è basso (1:10).

Il modello olandese FACT integra il rigore del modello ACT con un approccio flessibile, a garanzia di una gestione condivisa da tutto il team nei momenti di crisi, alternando periodi di stabilizzazione, di trattamento psichiatrico e di recupero per tutti i malati mentali gravi. L’ACT, invece, si concentra sul 20% dei pazienti in condizioni peggiori.

Sia secondo l’ACT che secondo il FACT, sono i team ad avere la piena responsabilità di qualsiasi forma di assistenza fornita ai malati mentali gravi che rientrano nel gruppo target di una determinata area o regione.

Esistono team FACT nei Paesi Bassi (>300), in Norvegia, Danimarca, Svezia, Irlanda, Inghilterra, Bonaire, Aruba, Belgio, Repubblica Ceca, Moldavia e Canada.

Per migliorare la qualità dell’assistenza offerta e adattarci agli ultimi sviluppi nel settore della salute mentale e non solo, nel 2017 abbiamo sostituito la scala di accreditamento del 2008.

Prodotti
Il miglioramento della qualità implica il contributo dei singoli operatori, dei team e dell’intera rete sanitaria. Per ricevere informazioni sugli strumenti di valutazione e sulle procedure per migliorare la qualità dell’assistenza fornita dagli Istituti di Salute Mentale o dalla comunità, rivolgersi a CCAF.

Criteri CCAF di fedeltà al modello:
FACT 2010 
FACT 2017

Prodotti di supporto:
Manuale FACT
Linee guida per una riunione collegiale FACT
* Linee guida per il coordinamento del dialogo assistenziale